Blog

Caduti in basso

Ti svegli. Ascolti le notizie. Esplosioni e coltellate. Altra scossa di terremoto. E poi ci aggiungi quelle dei giorni scorsi: due operai morti. Bambine violate. Donne umiliate.La finanza che specula e deforma la Politica. Offese continue. Razzismi di tutti i tipi. Rispetto per la vita umana prossima allo zero, come del resto nulla la considerazione per le opinioni altrui. E non riesci, davvero, a comprendere come è stato possibile esser scesi così in basso. E ti interroghi su come si potrebbe migliorare. Risposte non ce ne sono. O almeno ci sarebbero, ma sembrano utopia. E ti assale un senso di …

Continue Reading

Sulle verità assolute

I detentori delle verità assolute. Quelli che ti vogliono imporre i loro modelli di vita, i loro valori etici e la loro religione. Non c’è dialogo. Non può esserci perché in un confronto si esprimono opinioni e si accettano le altrui. E non parlo della Politica, ma di argomenti che attengono al personale ed a temi delicatissimi:la sessualità, il fine vita, l’aborto terapeutico. Non credo che Cristo ci abbia insegnato a giudicare:Egli apriva le braccia a tutti ed insegnava senza imporre. La Chiesa Cattolica, di contro,tenta di condizionare anche gli atei o quelli che hanno una Fede diversa. Invece di …

Continue Reading

Informazione, non propaganda

Opuscoli per informare, non per spingere a procreare. Fare figli è una scelta personale. Ciò che si può fare è dare notizie scientifiche sulla fertilità: ad esempio,analisi e vaccini da eseguire prima del concepimento, il periodo della vita in cui la possibilità di una gravidanza è maggiore, far comprendere che le problematiche non sono soltanto femminili ma anche maschili. Inoltre e soprattutto attuare politiche di sostegno alle mamme lavoratrici (asili, orari scolastici, ecc); incentivare l’occupazione; abbassare i costi sanitari di tutte le analisi da fare in gravidanza e dare l’esenzione totale ai redditi più bassi. Poi, certo, dare risalto agli …

Continue Reading

Attentato a Dacca

Sorprese/i mentre scorre la vita. Atti quotidiani cui generalmente non diamo peso. Prese/i alle spalle da vigliacchi che uccidono nel mucchio senza pensare a che persona sei, alla tua storia. Non uccidere. Ma soprattutto non uccidere inconsapevoli esseri umani che ripetono scene semplici di esistenze normali. Sorprese/i, prese/i, uccise/i, massacrate/i…potevo esserci io, mio fratello, mia sorella, mio figlio, mio marito. E questo crea rabbia, paura, incertezza, orrore. Sorpresa in una comoda giornata sono stata anche io, telespettatrice impotente di dolori lontani. Share Tweet

Continue Reading

Orecchio al territorio

NOTA CRITICA (oggi sto in vena).Vorrei una politica inclusiva. Forse è ora di smetterla di usare le solite modalità:elettori, simpatizzanti, iscritti, dirigenti locali che vanno ad ascoltare politici ed intellettuali pur degni di rispetto e di grande esperienza. Per una volta almeno vorrei che dietro il banco dei relatori ci fossero i rappresentanti del “popolo” (parola desueta), gente impegnata nei partiti, nei territorii…normale, insomma, comune, che spiegasse ad un uditorio di deputati, senatori, dirigenti nazionali e così via quali sono le necessità vere, le sensazioni, le problematiche. Ho scritto per una volta almeno, ma dovrebbe divenire prassi. Incontrarsi, magari per …

Continue Reading

Renzi traballa sul Referendum

Lo vedo scosso e traballante. Nulla è per sempre: figuriamoci un premier e/o segretario di partito. Le persone passano. Non lo sapeva questo povero ragazzo. Stava andando tutto liscio, vero? Qualcuno glielo aveva suggerito di andarci cauto. Invece, a colpi di demagogia, per far contenti tutti, ha deluso tutti. E le categorie che storicamente votavano a sinistra, gli hanno giocato un brutto tiro. Il Referendum cosmico potrebbe essere la prova del fuoco che lo ridurrà in cenere. La corda si sta spezzando. Share Tweet

Continue Reading

Elezioni USA: le false pari opportunità.

Certo che Trump sarebbe una grande iattura per gli USA e per il mondo intero, ma anche la Clinton non mi entusiasma per nulla…Ha usato il nome ed il ruolo del marito per far carriera, dopo tutti gli scandali, tra l’altro, dell’ex Presidente. Quest’ultimo che potrebbe rientrare alla Casa Bianca stavolta per elezione di sua moglie. Insomma: preferirei che alle donne venissero date pari opportunità serie per far carriera nella professione ed in politica. Ma la Clinton (come fa lei di cognome? Ops!) aveva ben più appoggi per arrivare dove è arrivata. Non è partita dal basso…A parità di meriti …

Continue Reading